Libreria Bonilli

Categorie

Editori

Pubblicità

Newsletter

Oro, Zaffiri e Rubini. Il Reliquiario di Montalto dopo il restauro dell'Opificio delle Pietre Dure di Firenze

Di Girolami Paola

Nardini Editore 2014

Pagg. 48

Isbn: 9788840400419

 

Altri dettagli


9,00 €

Nardini Editore 2014


L’esposizione è stata promossa dalla Diocesi di San Bendetto del Tronto-Ripatransone-Montalto delle Marche e dai Musei Sistini del Piceno con il patrocinio del Ministero dei Beni e delle attività Culturali e del Turismo, Regione Marche, del Comune di Montalto delle Marche e di Marche Musei e con il contributo dell’Opificio delle Pietre Dure di Firenze, della Regione Marche e di Hydrowatt.

La necessità di procedere ad un nuovo intervento di restauro è dovuta alla fuoriuscita di composti salini di alterazione sulla superficie metallica del reliquario. L’indagine ha dimostrato che l’alterazione è avvenuta per interazione tra la lega d’argento con l’acido formico presente nella cassa in legno che anticamente ospitava il manufatto.

Si è inoltre osservata la leggera sbollatura della doratura. Risultava infine compromessa l’adesione dello smalto al supporto in argento, anziché in oro, della parte corrispondente al prato nella scena del Compianto di Cristo. L’Opificio delle Pietre Dure ha provveduto a smontare le parti che costituiscono il Reliquiario di Montalto, al consolidamento, alla pulitura e alla protezione delle parti metalliche (eccetto nelle zone smaltate).

Il Reliquiario di Montalto, opera di sorprendente oreficeria parigina della fine del XIV secolo, è con molta probabilità riconoscibile in un cimelio appartenuto all’Oratorio della Cappellina di  Carlo V de Valois, sovrano francese. Importanti collezionisti come Lionello d’Este duca di Ferrara e il Cardinale Pietro Barbo (1457) sono venuti in possesso di questa stupenda opera impreziosita di smalti en ronde bosse, perle, zaffiri e spinelli. Nello specifico il Cardinale di Venezia apportò delle sostanziali modifiche al Reliquiario inserendo una base polilobata, quattro stemmi e tre iscrizioni dedicatorie. Divenuto Pontefice con il nome di Papa Paolo II il manufatto confluì tra i tesori del Vaticano. Nel 1587 Papa Sisto V donò il Reliquiario alla città di Montalto. Nell’occasione capovolse due delle tre iscrizioni di Pietro Barbo e fece apporre la propria dedica alla “sua patria carissima”; modificò poi gli stemmi dell’antico possessore aggiungendovi i propri emblemi: la stella e tre monti. Quindi dotò il manufatto di 8 reliquie disposte in teche affiancate alla scena della Deposizione nel sepolcro.

 

  • Anno 2014
  • Autore Di Girolami Paola
  • codice isbn 9788840400419
  • Nota Copertina flessibile
  • Pagine 48 illustrato a colori.

Nessun commento da parte dei clienti in questo momento.

Solo utenti registrati possono postare commenti.

Carrello  

(vuoto)

Ultimi Arrivi

In questo momento non ci sono nuovi arrivi